7 Gennaio 2012 - Quando giudicate e maledite qualcuno nel Mio Nome, Mi sputate in faccia

7 Gennaio 2012 - Quando giudicate e maledite qualcuno nel Mio Nome, Mi sputate in faccia

Figlia Mia carissima, mentre i Miei seguaci continuano a lottare tra di loro circa l’autenticità di questi Miei messaggi sacri al mondo, sempre più anime continuano ad essere separate da me.
Per quelli di voi che affermano di conoscerMi, siate certi che il vostro amore per me deve essere provato.
Non è sufficiente dire di amarMi. Prima occorre amare il prossimo.
Come si ama il prossimo? Trattandolo con amore e rispetto, non importa il modo in cui si è offesi.
Guai a coloro tra voi che calunniano un altro nel Mio Nome. Siete persi per Me. Senza l’umiltà nel cuore, quando giudicate e maledite qualcuno nel Mio Nome, Mi sputate in faccia.
Ricordatevi che non rappresentate Me quando calunniate e mostrate odio per gli altri.
Ancora molti che si propongono come Miei santi apostoli, cadono in questa trappola, preparata loro da satana per farli inciampare.
Io dico: andate via. Pregate e chiedete perdono. Molto meglio che passiate più tempo a pregare per la salvezza dei vostri fratelli e sorelle.
Oh, come vorrei che quei seguaci che dicono di venire nel Mio Nome si comportassero come ho insegnato loro. Come essi feriscono quelle povere anime che cercano di rimanere umili ai Miei occhi.
C’è un grande bisogno di discernimento riguardo questi Santi messaggi dati dalle Mie Divine Labbra; gli ultimi messaggi, simili nel loro genere in questi ultimi tempi.
Non vi create mai una vostra opinione basata sull’ errata comprensione di Chi Io sia e dei Miei insegnamenti.
Io sono anzitutto un Dio di Misericordia, prima di venire come Giudice.
Io vi amo tutti, ma soffro oggi lo stesso dolore che ho provato nel Giardino del Getsemani. Non avrò pace finché non vi avrò salvati dal maligno.
Quegli uomini che dicono che Io non soffro, non Mi conoscono.
Quegli uomini che credono di avere l’ autorità per giudicare gli altri nel Mio Nome, non Mi amano davvero.
Invece essi amano se stessi, e si riempiono d’ orgoglio.
Quegli uomini che puntano il dito sugli altri per costringerli a credere in me, hanno anche frainteso i Miei insegnamenti di amore, umiltà, pazienza.
Molti cristiani credono che il loro ruolo sia quello di analizzare e rivalutare i Miei insegnamenti. Ma ancora molte delle loro analisi sono basate su ragionamenti umani e logici che sono di poco conto nel Mio Regno.
Quando vi esorto a farvi piccoli ai Miei occhi, intendo piccoli come un bambino che non mette in discussione.
Intendo come un bambino che crede completamente in suo padre, senza paura nel cuore.
Finché non diventerete piccoli ai Miei occhi, non sarete adatti a parlare nel Mio Nome.
Quando troverete l’ umiltà che Io cerco, solo allora potrete aiutarmi a salvare le anime.
Il tuo Maestro

Redentore dell’ umanità
Gesù Cristo

Seguici OGNI GIORNO su Twitter